LIM E............ DINTORNI!

«Nessun vento è buono per il marinaio che ......

(....) non sa dove andare" - Seneca
Una classe inclusiva è un ambiente che non solo non pone barriere all’apprendimento di alcun alunno, ma che lo facilita attivamente, fornendogli le condizioni idonee allo sviluppo del suo massimo potenziale, che sa cioè individualizzare in modo diffuso ed efficace. La dinamica di insegnamento-apprendimento rappresenta, a mio avviso, il valore aggiunto dalla LIM. Restano indiscutibili i vantaggi a livello percettivo, sia visivo (facilitazioni date dalle dimensioni o dai colori dei materiali scritti alla lavagna) che uditivo (aggiunta di input audio, musiche, ecc.). Ma una scuola inclusiva, come Ianes insegna, è anche una comunità di pratiche dalla buona memoria documentativa e molto generosa nello scambio delle prassi da un insegnante all’altro. All’inclusione servono molte idee, molto materiale, molte soluzioni didattiche, organizzative, progettuali, molte Buone Prassi. Tipicamente, la scuola italiana non brilla per capacità di documentare e tesaurizzare il proprio immenso patrimonio di realizzazioni che hanno funzionato, né per la disponibilità/capacità di scambiarlo tra pari. La LIM può aiutare in questo, non certo stimolando la generosità, ma sicuramente la facilità di costruire, rendere disponibile e scambiare grandi quantità di memoria didattica (e simile). Ovviamente il WEB dovrebbe fare il resto. In conclusione, con tutte le cautele e con l’ovvia necessità di sperimentare i vari aspetti empirici e applicativi sottoponendoli a ricerche specifiche, credo che si possa sostenere che un approccio inclusivo che utilizza sistematicamente e in modo integrato la LIM abbia in sé alcuni importanti punti di forza per migliorare in modo significativo la qualità dei processi di inclusione. Ma è l’esigenza dell’inclusione a dettare la rotta della metodologia generale e delle attività, per le quali la LIM è soltanto uno dei mezzi e, anche un ottimo mezzo, lo sappiamo bene, non può fare da solo la rotta!


 

Modulo sceneggiatura UD-Ornella GalloCON
Documento Adobe Acrobat 1.2 MB